MARIA CARDAMONE​

www.mariacardamone.com



ALICE PROJECT 

In un'epoca di informatizzazione e di scambio ad alta velocità di dati attraverso internet, cellulari e media, stiamo assistendo a un'accelerazione nello stile di vita con conseguente stress,  e una tendenza al ribasso nelle nuove generazioni. Nelle scuole di tutto il mondo, infatti, ogni anno gli studenti hanno sempre piu' problemi di comportamento, più casi di dislessia e altri disturbi di apprendimento  e una diminuzione dell'attenzione e della capacità di concentrazione,  Una soluzione definitiva sembra provenire da una formazione scolastica che unisce le pratiche occidentali con quelle orientali, come avviene nel metodo del "Progetto Alice". Questo metodo nasce negli anni '80 grazie alla ricerca di due docenti italiani, Luigina De Biasi e Valentino Giacomin, che hanno fondato in India tre scuole. La prima scuola di Alice è stata fondata nel 1994 a Sarnath, è interculturale e generosamente aperta alle classi sociali più basse. Comprende tutti gli insegnamenti spirituali senza distinzioni di religione, e in piu' include l'insegnamento di yoga, meditazione e massaggio Ayuverdico. In poco tempo si e' visto che nelle scuole di Alice i problemi di disciplina  sono quasi inesistenti né vi sono casi di studenti che soffrono di disturbi di iperattività e difetti d'attenzione o difficoltà di apprendimento: malattie che invece concerne gli altri paesi del mondo. Al contrario, studenti della classe piu' bassa hanno in breve tempo recuperato il divario con gli studenti economicamente piu' avvantaggiati. 

Questo nuovo percorso di insegnamento, e l'importanza data a scuola alla coscienza è saldamente incoraggiata dal Dalai Lama in persona. 

 

 
BIO

Maria Cardamone è una fotografa freelance, nata a Palermo. Lavora nel campo della fotografia dal 2008. Si è laureata nel 2012 con una tesi in Geografia in cui ha analizzato la visione del geografo Denis Cosgrove che collega l'uso della fotografia aerea con la mappatura, in un uso politico/culturale delle immagini. 

Dopo il trasferimento a Londra nel 2012, ha incrementato le sue conoscenze tecniche lavorando in studio, come fotografa di ritratto e sperimentando il processo di sviluppo e stampa in laboratorio. Dopo questo training, si è avvicinata alla fotografia documentaria e al fotogiornalismo. I suoi lavori sono incentrati su tematiche sociali e ha anche lavorato con ONG in Italia e in India. Recentemente ha documentato l'innovativo metodo formativo "Progetto Alice", un metodo utile per risolvere i disturbi di apprendimento, bullismo e la mancanza di attenzione che colpiscono le società moderne: con il suo reportage "Alice Project: Scuola di Illuminazione" ha conseguito numerosi riconoscimenti in Italia e all'estero. Maria attualmente sta portando avanti reportage fotografici sull'immigrazione in Sicilia e sul movimento ecologico mondiale.

Le sue fotografie sono state pubblicate nel Corriere della Sera, La Repubblica, Urban Photography Magazine, Private Magazine, "Don't Take Pictures" Magazine, F-Stop Magazine, Witness Journal e Social Documentary Network. 

REGARDE PERSONNEL/ESPACE COMMUN